Diventa un socio del CIIS

  Entra a far parte della nostra associazione!

-A +A

27/12/2007Vergogna!!!

Nome: 
Mamma
Cognome: 
M.
Data: 
27/12/2007 - 16:36
Argomento: 
Critiche

Rendo volentieri la mia esperienza di genitore di una bambina che presenta difficoltà di apprendimento e segue terapie di logopedia.
Ho letto, letto e letto! mi sono documentata, ho cercato in questo percorso con la mia bambina, di trovare sempre cose nelle quali potesse emergere, nelle quali si potesse sentire brava, capace e preparata. Poi basta l' egoismo, l'incompetenza delle persone e la legge A FAR CROLLARE TUTTO.



Vorrei parlare per ore, per dar voce a tutta la rabbia che si sta alimentando in me per questo modo disumano di gestire il mondo dei bambini, lo stesso mondo sul quale loro confidano e che dovrebbe portare, al contrario, aiuto e benessere nelle situazioni di disabilità.
Sfortunatissima, come altri purtroppo, con il sostegno gestito in modo vergognoso, con lavoro svolto poco e sempre al di fuori della classe, e poi con supplenze.



E l'ultima questo anno, con una docente che ...formazione professionale??? quale??? ...(il lavoro sui quaderni parla da solo e anche le parole di mia figlia... io non capisco niente quando spiega...).



Sottolineo una difficoltà di apprendimento assolutamente non grave, con neppure una vera neccesità di un P.e.i.



Il lavoro è stato svolto in modo così ingiusto professionalmente e psicologicamente, tanto da peggiorare il livello di autostima della stessa bimba. Infatti oggi mia figlia ha iniziato un percorso psicologico per lavorare proprio sul livello di autostima che sappiamo in certi casi essere già molto basso.



Vorrei dire agli insegnati di sostegno che non amano questo ruolo, e soprattutto non amano fare i pendolari, ma concentrati a sfruttare i benefici dell'impiego pubblico, di PENSARE BENE PRIMA DI accettare posti nei luoghi a loro scomodi e lontani con i disagi che poi arriveranno, perchè NON SI GIOCA CON IL FUTURO E LA VITA dei bambini affidati a loro con estrema fiducia e per gli stessi genitori che spesso si ritrovano, come nel mio caso, nella speranza di aver fatto la cosa giusta, invece non solo a pentirsi di aver richiesto il sostegno ma quel che è più importante è che ci si trova spesso davanti ad un peggioramento della situazione che ovviamente non si può immaginare perchè Assurda.

Condividi i contenuti del CIIS sui social