Diventa un socio del CIIS

  Entra a far parte della nostra associazione!

-A +A

Considerazioni sulle prove "Invalsi"

"...e le stelle stanno a guardare"

 



 

Per gli alunni con disabilità, per la prima volta, è stato introdotto il criterio dell'esonero dalle prove invalsi (ultima di tre possibilità):

- la prima possibilità è impercorribile (della serie come posso metterti in difficoltà? "Trovato. Eureka". E così si sono inventati gli strumenti compensativi e le misure dispensative ad uso degli studenti con disabilità. Indicazioni inutili e fuorvianti)

- la seconda possibilità è la adattabilità (come è sempre stato fatto. Questa volta - non più in sordina come prima - viene dichiarato che la prova cartacea non deve essere inviata. E per gli altri alunni che sosterranno la prova in cartaceo perché il sistema informatico non funziona o non è sufficiente? vale anche per loro? No! per loro non vale. Vale unicamente per gli alunni con disabilità...)

- la terza possibilità è l'esonero (della serie: siccome non so come fare, risolvo tutto togliendomi l'impiccio. - mi si scusi il linguaggio sbrigativo).

Orbene...

si sta consumando sotto gli occhi di tutti un'azione di forte discriminazione nei confronti degli alunni con disabilità. Eppure, chissà perché, sono convinta che molti si avvarranno dell'esonero: rapido, veloce, poco lavoro e, soprattutto, in regola con le richieste!

Beffa nella beffa: coloro che sosterranno le prove in cartaceo non riceveranno la parte compilata da INVALSI (quella parte che completa il certificato delle competenze), ma sarà il consiglio di classe a elaborarla.

Domanda: questo avviene anche e per tutti gli altri alunni che sosterranno le prove su cartaceo (per le difficoltà di non avere il PC, come detto sopra)? No. per loro non vale questo.

Sintesi: vogliamo dare il nome corretto a questa situazione?

Discriminazione!

Non c'è altro termine.

E.C.

Data: 
26/02/2018 - 19:11
Condividi i contenuti del CIIS sui social