Diventa un socio del CIIS

  Entra a far parte della nostra associazione!

-A +A

5/11/2015 Riformare il sostegno: tra sostenitori e critici (Redattore Sociale)

Riformare il sostegno, tra sostenitori e critici della "carriera separata"

L’idea di docenti di sostegno con un percorso formativo e professionale distinto e specialistico è contenuta nella proposta della Fish, da cui il governo prende spunto per la riforma. Angsa: “Favorire specializzazione, soprattutto per autismo”. Ianes: “No a ruolo blindato”

02 novembre 2015

ROMA – Gli studenti disabili, specialmente quelli con autismo, hanno bisogno di docenti preparati, capaci, adeguati ad accogliere le loro esigenze e a comprendere anche coloro che comunicano con difficoltà: su questo, ormai, pare non esserci più dubbio alcuno. Tanti e grandi restano invece i dubbi su come questo obiettivi debba essere centrato e quale direzione debba seguire quella “riforma del sostegno” ormai non più rinviabile ed effettivamente in lavorazione, con la Buona scuola renziana.

[...]  Al centro di queste, c’è l’intervento del sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, che venerdì scorso, commentando il caso di Biella, si chiedeva: “che senso ha avere insegnanti di sostegno ed educatori che sono, sì, formati, ma non per quella forma specifica di autismo e quindi, impotenti, sono costretti a ricorrere a un auletta ‘speciale’, dove i compagni possono andare a trovare il bambino di turno come fosse un carcerato in orario di visita?”. E rilanciava, così, l’idea di insegnanti di sostegno specializzati, “fortemente motivati e profondamente preparati su singole disabilità”: con percorsi, carriere e cattedre, quindi, separati e distinti da quelle dei loro colleghi “curriculari”. Perché insegnare italiano è una cosa, “sostenere” un ragazzo disabile – autistico in particolare – nella sua classe e insieme ai suoi compagni è un altro lavoro.

 

Dalla proposta della Fish alla riforma del governo. Quello che Faraone ha in mente, quando riferisce la sua ferma intenzione di “eliminare le storture di un sistema del sostegno che, anche se con casi di eccellenze, spesso si mostra fallace e inadeguato”, è un progetto ben preciso, che ha un titolo, un autore e un contesto specifici: è la “Proposta di legge per migliorare la qualità del’inclusione scolastica”. L’autore è la Fish, il contesto è la Buona scuola di Renzi, con la sua delega al governo per i decreti attuativi, prevista nell’articolo 23 della riforma. Al centro di questa proposta di riforma del sostegno c’è infatti proprio la “separazione della carriere”, tramite “l'istituzione di ruoli per il sostegno – spiegava mesi fa il presidente di Fish Vincenzo Falabella - e quindi di una laurea dedicata: in questo modo, fa sostegno chi ha la vocazione a farlo, mentre attualmente questa posizione è spesso usata come tramite per diventare insegnanti curriculari”. 

Questa proposta, però, divide. Da un lato, c’è chi ritiene indispensabile e non più rinviabile la forte specializzazione dell’insegnante di sostegno, tramite percorsi formativi ad hoc. Come Benedetta Demartis, presidente di Angsa Novara [...]

Dall’altro lato, però, proprio sul fronte opposto, c’è chi proprio non manda giù questa proposta di Fish e non vede affatto di buon occhio una “carriera separata” per l’insegnante di sostegno. Mesi fa, quando questa proposta iniziava a farsi conoscere, era stato Adriano Sofri, tramite le pagine di Repubblica, a dar voce ai tanti critici di questa possibilità, paventando il rischio che gli insegnanti di sostegno fossero “condannati” a restar tali “a vita””, anche in caso di “ripensamento”. E ad essere per sempre “insegnanti di serie B”.

Molto critico anche Dario Ianes, responsabile delle edizioni Erikson, che a Redattore sociale aveva espresso un secco “no al ruolo blindato dell’insegnante di sostegno”, [...]. 

Parla l’insegnante di sostegno. Una posizione, quella di Ianes, che continua ad essere profondamente condivisa, come dimostra oggi il commento di Evelina Chiocca, insegnante di sostegno, alle ultime dichiarazioni di Faraone: “Come docente specializzata per il sostegno mi sto sempre più convincendo che, per promuovere e favorire l'integrazione scolastica, sia indispensabile passare su posto comune – riferisce – Per esperienza diretta e per testimonianze raccolte negli anni, mi rendo conto che un docente specializzato per il sostegno e incaricato su posto comune (o disciplinare) offre maggiori opportunità e competenze alla classe e che, di fatto, contribuisce meglio a promuovere l'integrazione scolastica. Moltissimi colleghi specializzati per il sostegno trasferitisi su posto comune, oppure assunti direttamente su posto comune, offrono alla scuola italiana un validissimo apporto all'integrazione, sicuramente con una marcia in più rispetto ad altri docenti”. Chiocca propone quindi l’idea di una “riforma ‘mista’ nell'attribuzione dei posti”: una riforma che quindi tenga conto di tutte le istanze: quelle delle famiglie, che hanno il diritto di lasciare i loro figli nelle mani di personale qualificato e preparato ad accoglierli e farli crescere; quelle degli insegnanti, che potrebbero sentire la “blindatura” sul sostegno come una limitazione “a vita”, ma anche quelle della comunità scolastica, che proprio dell’esperienza e delle competenze degli insegnanti di sostegno vorrebbe e dovrebbe avvalersi per diventare luogo inclusivo e accogliente per tutti. 

Riformare il sostegno, insomma, è tutt’altro che facile: il governo sta lavorando proprio in queste settimane per attuare questa “rivoluzione” non più rimandabile. E certamente non gli sfugge quante professionalità, sensibilità e necessità siano implicate in questo delicato processo. (cl)

Pubblicato da Redattore Sociale. Per leggere l'articolo completo: clicca qui

Data: 
05/11/2015 - 01:19
Condividi i contenuti del CIIS sui social